Nuova Caledonia

In Breve

Terra lontana, terra di contrasti, terra genuina… la Nuova Caledonia è una destinazione atipica, dai molteplici volti. Bagnata dalle acque cristalline nel cuore dell'Oceano Pacifico, cullata tutto l'anno da dolci alisei, il Caillou ha molto da offrire, oltre alle sue spiagge paradisiache e a un sole caldo e luminoso.

Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia
Nuova Caledonia

località e prodotti

resort
crociere
tour
preventivo
mappa
pag dedicata

Introduzione

Clima : clima tropicale temperato, pertanto il clima è primaverile quasi tutto l'anno. Le temperature medie sono comprese tra i 15°C e 32°C in base alla stagione. L’inverno australe, da aprile a novembre, è il periodo ideale per soggiornare sul Caillou.
Formalità : passaporto e biglietto di ritorno
Vaccini : Non c’è obbligo di alcuna vaccinazione per recarsi in Nuova Caledonia.
Fuso orario : +10h rispetto all'Italia; +9h quando in Italia è in vigore l'ora legale
Lingua : il francese è la lingua ufficiale ma su tutto il territorio si parlano anche una trentina di dialetti melanesiani, L'inglese è parlato
Moneta : franco del pacifico (1.000 F.CFP pari a 8,38 Euro) 
Elettricità : 220 v

Tutte le informazioni aggiornate sulla NUOVA CALEDONIA possono essere anche reperite sul sito www.viaggiaresicuri.it . Clicca qui  per tutti i dettagli (servizio a cura del Ministero Affari Esteri)

Scheda Tecnica

Terza isola del Pacifico per superficie, dopo la Papua Nuova Guinea e la Nuova Zelanda, la Nuova Caledonia è situata a soli 1.500 chilometri a est dalle coste australiane. Scorgendo questa “terra sconosciuta” nel 1774, il navigatore britannico James Cook trovò una somiglianza tra il rilievo montagnoso della Grande Terre e la sua Scozia natia, il cui antico nome altri non era che “Caledonia”.
Da un’estremità all'altra della Nuova Caledonia, che si estende su circa 500 chilometri, passando per l'arcipelago delle îles Loyauté, i paesaggi celano una diversità inattesa e impressionante. Come un’enorme spina dorsale, una catena montuosa divide la Grande Terre in due parti dalle caratteristiche ben distinte.
La Nuova Caledonia è un arcipelago formato essenzialmente da 5 gruppi di isole: la Grande Terre, l’Isola dei Pini, l’isola di Ouvea a sud ed il gruppo delle isole Loyauté oltre a qualche dipendenza del nord.

Nella Grande Terre, lungo la costa occidentale si estendono vaste pianure, propizie all'allevamento. È lì che incontrerete i Broussard, questi “cowboy” del Pacifico, dal cuore di pionieri e dal temperamento vivace. La regione ospita anche spiagge favolose e, all'estremità settentrionale, una corona di isole dalle acque pescose e dalle rive languide.
Più umida e più ripida, la costa orientale possiede una terra fertile ed esotica caratterizzata da vegetazione lussureggiante, valli verdeggianti e cascate rinfrescanti.

Al largo della Grande Terre, l'arcipelago della Loyauté, dove la natura dispiega tutto il suo splendore sia in terra sia nel mare, conta tre isole principali: Lifou, Maré e Ouvéa. La vita qui è organizzata attorno alle tribù e gli usi e costumi della cultura Kanak sono ancora molto vivaci.

All’estremo sud della Grande Terre, la leggendaria île des Pins è il porto per eccellenza dei turisti alla ricerca di bellezze originali.

Abitata da circa 3.000 anni dai Kanak e territorio francese d'oltre mare da 1853, la Nuova Caledonia è anche ricca di abitanti. A ondate successive, l'arcipelago è stato popolato da europei, asiatici, polinesiani e anche dagli abitanti dell’isola della Riunione, che formano con i melanesiani una popolazione multietnica e multiculturale.

Santuario della biodiversità planetaria, la Nuova Caledonia è la destinazione degli amanti della natura. In questi luoghi si contano 3.500 varietà di piante, i tre quarti delle quali sono endemiche, 4.300 specie di animali terrestri, 1.000 specie di pesci e 6.500 specie di invertebrati marini.

Immersioni

Inserita nella prestigiosa Lista del Patrimonio mondiale UNESCO, la scogliera corallina, che circonda e stringe una laguna straordinaria, nasconde un ecosistema protetto, dalle mille scoperte.

Le immersioni in Nuova Caledonia contano alcune tra le immersioni più belle al mondo. La laguna ha una profondità media di una ventina di metri ed i banchi corallini sono tra i più interessanti al mondo. Più di 1500 specie di pesci, 350 specie di coralli ed almeno 20000 specie di invertebrati con alcune tra le conchiglie più belle al mondo.
Sostanzialente la Nuova Caledonia, dal punto di vista subacqueo, si divide in 3 aree ben precise e caratterizzate da propie carattesristiche le differenziano le una dalle altre.

La Costa Orientale della Grande Terre è caratterizzata da barriere coralline ricche di pareti tappezzate da gorgonie, d'alcionarie ma soprattutto da una varietà increrdibile di coralli molli e duri senza pari al mondo. Un'enfasi di colori e forme che creano tappeti naturali estremamente variopinti. La pareti si aprono spesso delle pass con canyon e grotte dalle forme più particolari, con anfratti, guglie e pinnacoli che fanno da cornice a questa originale orografia. La vita sottomarina è la più classica e ricca vita della barriera corallina, con una vivace presenza di carangiidi, pesci scorpione, murene, ecc
Immersioni non particolarmente complesse, acqua a temperatura tropicale, molto varie grazie alla continua esplorazione di grotte, canyon e anfratti, dove è davvero possibile fare scoperte entusiasmanti.

La Cosa Occidentale invece rileva un'orografia totalmente diversa con costa sabbiose che degradano verso il blu profondo. la costa è caratterizzata da acqua fresca e moltop limpida e con una fortissima presenza di squali grigi, squali martello, squali toro, squai pinna nera e una tiopologia di squalo endemica della Nuova Caledonia, lo trusky Ssark, oltre a squali leopardo e tartarughe. Non c'è il colore della costa orentale dal momento che non esistono vere e proprie barriere coralline.
Immersioni dunque abbastanza impegnative sia per la profondità che normalmente si raggiunge, per le correnti e l'acqua non particolarmente calda

Le isole (Oueva, Lifou e l'Ile des Pins) essendo isole di origine corallina,  sono caratterizzate da classiche immersioni in acque limpide con belle pareti che le circondano e lievi e piacevoli correnti. Immersioni mai troppp profonde, piene di luce e colori, richhe di tutta la vivacità della vita di barriera, spesso con la presenza di pelagico di passo e mante.